Notizie dal Mondo 1 - CIATDM

Vai ai contenuti

Menu principale:


NOTIZIE DAL MONDO


PAGINA 5   4 3 - 2 - 1
Violenza sessuale:abuso' figlie per anni, padre condannato
ZCZC5722/SXB
OMI28151
R CRO S0B QBXB
Violenza sessuale:abuso' figlie per anni, padre condannato Ad allevatore bergamasco 8 anni, risarcite ragazze e anche madre (ANSA) - BERGAMO, 1 DIC - Un allevatore bergamasco di 56 anni e' stato condannato per violenza sessuale nei confronti delle figlie a 8 anni di reclusione. L'uomo in particolare avrebbe abusato della figlia minore da quando era solo una bimba di 6 anni fino ai 14. Anche la maggiore era stata costretta a subire una violenza per una volta e l'episodio venne ripreso dalla telecamera dei carabinieri che gia' stavano indagando dopo la denuncia della sorella minore. Decisi anche i risarcimenti nei confronti di tutta la famiglia che si e' costituita parte civile contro l'uomo: alla moglie andranno 30 mila euro, alla figlia maggiore 10 mila e alla minore 50 mila. Le indagini erano scattate dopo che la figlia minore si era confidata con un'insegnante. (ANSA).
YN3-AA
01-DIC-14 16:49 NNN



= La notizia: Loris strangolato, incerta violenza (ore 14) =
ZCZC
AGI0329 3 CRO 0 R01 /
== La notizia: Loris strangolato, incerta violenza (ore 14) = (AGI) - Palermo, 1 dic. - Dall'autopsia viene la certezza che Andrea Loris Stival e' stato ucciso. La morte del bambino di 8 anni trovato in fondo a un canalone sabato pomeriggio a Santa Croce Camerica (Ragusa) e' stata causata da "asfissia da strangolamento", secondo il medico legale Giuseppe Iuvara. Restano invece dubbi sulla violenza sessuale. Dagli accertamenti finora eseguiti non sono venute conferme, ha detto il procuratore di Ragusa, Carmelo Petralia, che in una conferenza stampa ha fatto appello alla cittadinanza perche' collabori alle indagini. Secondo gli inquirenti, il bambino e' stato prelevato davanti alla scuola "Falcone e Borsellino, dove frequentava la terza elementare, da qualcuno che conosceva. Si ritiene verosimile che Loris sia salito su un'auto. Sarebbe stato ucciso non lontano da dov'e' stato trovato il cadavere, perche' le lesioni causate dalla caduta nel canalone, profondo un paio di metri, si sono prodotte, secondo il medico legale, subito dopo la morte. Non c'e' ancora traccia dello zainetto blu con le cinghie gialle che il bambino aveva con se' e che gli investigatori continuano a cercare. Interrogato a lungo Orazio Fidone, il cacciatore che ha trovato il corpo di Loris e che per la Procura e' solo una "persona informata dei fatti", non un indagato. Il fascicolo, in cui si ipotizzano i reati di omicidio e sequestro di persona, e' al momento contro ignoti.
Intanto, riceveranno sostengno psicologico i compagni di Loris. La preside dell'istituto "Falcone e Borsellino", Giovanna Campo, si e' gia' attivata in questo senso: "Ho gia' fatto richiesta per assicurare ai bambini il giusto e doveroso sostegno psicologico", dice. Sul banco del bimbo ucciso, questa mattina i compagni hanno posato una corona di fiori a forma di cuore. Una bambina di 10 anni che era tra le amichette di Loris, ha raccontato: "Ho visto Loris sabato mattina quando e' sceso dall'auto della mamma ed e' andato verso il chiosco per comprare il panino. Poi mi sono allontanata e non l'ho piu' visto". La piccola ricorda cosi' il compagno: "Era molto sorridente, tutti gli volevano bene". (AGI)
Rap
011400 DIC 14
NNNN


Loris: Procura indaga anche per sequestro di persona
ZCZC
AGI0301 3 CRO 0 R01 /
Loris: Procura indaga anche per sequestro di persona = (AGI) - Ragusa, 1 dic. - Il fascicolo aperto dalla Procura di Ragusa sulla morte del piccolo Andrea Loris Stival, oltre all'omicidio, riguarda anche il reato di sequestro di persona. Entrambe le accuse sono, al momento, contro ignoti. (AGI)
Rg2/Rap/Mzu
011321 DIC 14
NNNN


Bimbo morto: Crocetta, una tragedia inspiegabile
ZCZC3552/SXB
OPA19852
R CRO S0B QBXB
Bimbo morto: Crocetta, una tragedia inspiegabile (ANSA) - RAGUSA, 30 NOV - "Questo non e' il momento delle analisi e delle congetture, dobbiamo far lavorare gli inquirenti. Sono venuto qui solo per incontrare i familiari, per esprimere la mia partecipazione al loro dolore, a questa tragedia immensa. Insieme al sindaco abbiamo assicurato che non li lasceremo soli". Lo ha detto il presidente della Regione Rosario Crocetta che ha fatto visita ai genitori del piccolo Loris Stival, il bambino morto ieri nei pressi di Santa Croce Camerina. Il governatore si e' recato in municipio, dove ha incontrato il sindaco, Franca Iurato: un breve colloquio, poi si e' spostato alla caserma dei carabinieri, dove e' stato ricevuto dal comandante di stazione. Infine, dai familiari del bimbo. In casa ha trovato la madre e i nonni materni. Poi e' andato sul luogo della tragedia, e' arrivato fino al ponticello sul canalone, dove e' stato trovato il corpo senza vita di Loris. Ha parlato con gli inquirenti. "Quando succedono tragedie come queste - ha detto - si pensa sempre a cosa poteva essere fatto e non e' stato fatto. Ma non credo che si possano vedere responsabilita' di qualcuno. E' una tragedia veramente inspiegabile". (ANSA).
SR-YZS
30-NOV-14 18:52 NNN


>ANSA-FOCUS/ Bimbo morto: paese sotto choc, teme ci sia un orco
ZCZC3316/SXB
OPA19478
R CRO S0B QBXB
>ANSA-FOCUS/ Bimbo morto: paese sotto choc, teme ci sia un orco Crocetta, angosciato come un padre. Sindaco, dolore e silenzio (dell'inviato Mimmo Trovato) (ANSA) - SANTA CROCE CAMERINA (RAGUSA), 30 NOV - "Un incidente? Non ci crediamo, qualcuno deve essere stato: lui non si allontanava mai da solo era un ragazzo tranquillo". Cosi' Christian, 18 anni, vicino di casa di Loris Stival, il bambino di otto anni trovato morto ieri nel Ragusano, da' voce ai timori del paese, lasciando trapelare un'ipotesi: "ci potrebbe essere un orco, anche se qui una cosa del genere non e' mai accaduta". Nell'appartamento accanto, alla periferia di Santa Croce Camerina, e' chiusa nel suo dolore la famiglia. La madre, 25 anni, casalinga, e' sotto choc, piange e invoca il nome del figlio in continuazione. "E' il momento del silenzio, non ci sono parole per quello che e' accaduto", osserva Roberto Corrado, amico dei genitori del bambino. "In casa ci sono lamenti e dolori - aggiunge - c'e' una famiglia distrutta che e' tutta abbracciata nel piangere la scomparsa del bambino". "Dovete stare insieme, mai da soli: se vedete qualcosa che vi sembra strano rivolgetevi agli adulti, chiamate i genitori, un insegnante o un catechista. L'importante e' vivere insieme agli altri", invita padre Flavio Maganuco, parroco della chiesa di San Giovanni Battista di Santa Croce Camerino, durante l'omelia di oggi rivolgendosi ai bambini. "Era diffidente, non si fidava degli estranei, non parlava con chi non conosceva perche' era introverso, ma anche molto ma molto intelligente", racconta la sorella del nonno paterno di Loris che esterna i suoi "tanti, tanti dubbi": "un bambino di otto anni non puo' fare tutta questa strada da solo". Alla domanda dei giornalisti se il piccolo avesse potuto accettare un passaggio da uno sconosciuto, la donna lo esclude e quindi il pensiero va ad una persona conosciuta: "Il dubbio c'e' - afferma - e' normale, non ne abbiamo la certezza ma il dubbio c'e', cosi' come la speranza che presto la magistratura, polizia e carabinieri risolvano il caso". "Questa zona non e' frequentata abitualmente, ne' ho mai visto bambini da soli: ieri sono stato qui per molte ore ma non ho visto nessuno", ribadisce Peppino Caggia, 87 anni, ex carabiniere e proprietario del Mulino Vecchio, struttura che si trova a poche centinaia di metri da dove e' stato trovato il corpo di Loris Stival. "Mi sento angosciato, come se fosse morto mio figlio, anche se non ne ho", dice il governatore Rosario Crocetta, che ha compiuto un sopralluogo nella zona del ritrovamento. "Quando ho appreso ieri la notizia ho interiorizzato il dolore e sentito la necessita' di partecipare di persona la mia vicinanza". "E' il momento del dolore, del silenzio - invoca il sindaco Franca Iurato - di una comunita' che si stringe attorno alla famiglia. Per il resto e' tutto ancora prematuro. Ho incontrato i parenti del bambino per esprimere la vicinanza di una comunita'
dove ci si conosce tutti". Il sindaco annuncia la proclamazione del lutto cittadino per il giorno dei funerali. (ANSA).
TR
30-NOV-14 18:18 NNN


>ANSA-IL PUNTO/ Bimbo morto: paese sotto choc, tanti dubbi
ZCZC0925/SXB
XRR15826
R CRO S0B QBXB
>ANSA-IL PUNTO/ Bimbo morto: paese sotto choc, tanti dubbi "Non poteva arrivare li' da solo". Si attende l'autopsia (ANSA) - SANTA CROCE CAMERINA (RAGUSA), 30 NOV - Santa Croce Camerina si e' svegliata stamani attonita, sgomenta, sotto choc. Il paese del Ragusano non riesce a dare una spiegazione alla morte del bambino di otto anni che ieri e' stato trovato senza vita in un canalone in cemento profondo due metri dopo non
essere entrato a scuola. "E' il momento del silenzio, la famiglia e' unita e stretta in un grande dolore", dice un amico della coppia dopo averla incontrata. Eppure in paese si fa strada sempre piu' un'ipotesi strisciane: in pochi credono alla tragedia, all'incidente. Il dubbio maggiore e': "Come e' arrivato il bambino fino a li'?". Dal luogo dei ritrovamento alla scuola ci sono quasi tre chilometri che, spiegano alcuni ragazzi esperti del luogo, "non poteva raggiungere che percorrendo la strada provinciale". E per questo si domandano: "Come mai non lo ha visto nessuno?". A questo quesito stanno cercando di dare una risposta polizia e carabinieri che indagano sull'accaduto. Anche stamattina gli investigatori restano pero' cauti: "Tutte le ipotesi sono aperte, non c'e' alcuna pista privilegiata", affermano. L'unico particolare che emerge dall'ispezione cadaverica e' un ematoma sul viso del piccolo, ma niente che possa spiegare cosa e' accaduto. Per questo, spiega la Procura di Ragusa, che l'ha disposta, potrebbe essere dirimente l'autopsia che sara' eseguita tra oggi e domani. Ma intanto un vicino di casa, Cristian, 18 anni, che conosceva il bambino da quando era nato, avanza un'ipotesi inquietante, quella che qui tutti temono: "Non puo' essere andato li' da solo, qualcuno deve avercelo portato". L'orco? "Potrebbe essere", dice. (ANSA).
TR/SIG
30-NOV-14 11:49 NNN






Darfur: stupro di massa, sit-in davanti Montecitorio
ZCZC4463/SXA
XAI99027
R EST S0A QBXB
Darfur: stupro di massa, sit-in davanti Montecitorio Esponenti maggioranza governo accolgono appello per inchiesta (ANSA) - ROMA, 28 NOV - Un centinaio di rifugiati sudanesi ha manifestato, oggi, a piazza Montecitorio, per denunciare lo stupro di massa di 210 donne in Darfur, regione occidentale del Sudan. I manifestanti, in sit-in davanti al Parlamento, hanno rivolto un appello al ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, impegnato oggi alla conferenza sulle migrazioni insieme con il ministro degli Esteri sudanese, Ali Karti, affinche' incoraggi Khartoum ad autorizzare un'inchiesta internazionale indipendente sulla vicenda. Nel corso della manifestazione, promossa da Italians for Darfur, alcune attiviste hanno improvvisato un flash mob vestite in abiti da sposa. Un'allusione alle tante giovani e bambine costrette a rinunciare alla propria verginita' a causa delle continue violenze perpetrate in Sudan e in tutti quei paesi in cui i diritti umani vengono violati impunemente. Alcuni esponenti della maggioranza di governo, tra i quali gli onorevoli Mario Marazziti, presidente del Comitato Diritti Umani della Camera e Lia Quartapelle, segretario della Commissione Esteri di Montecitorio, hanno raccolto l'appello di manifestanti e attivisti. "Serve un'indagine che chiarisca quanto avvenuto a Tabit per accertare eventuali responsabilita'" ha ribadito Antonella Napoli, presidente di Italians for Darfur".(ANSA).
I05-RF
28-NOV-14 14:20 NNN


Infanzia:Di Biagio,accolto odg su stranieri non accompagnati
ZCZC4709/SXA
XPP88381
R POL S0A QBXB
Infanzia:Di Biagio,accolto odg su stranieri non accompagnati (ANSA) - ROMA, 27 NOV - "La tutela dei minori e' un principio che va perseguito attraverso misure forti, che implicano una decisa volonta' e un impegno tangibile ". Lo dichiara in una nota il senatore Aldo Di Biagio, vice capogruppo di Per l'Italia. "Il Senato - prosegue la nota - ha espresso questa volonta', votando con responsabilita' le mozioni sull'infanzia e l'adolescenza e l'Odg, a mia firma, accolto dal Governo, finalizzato a promuovere iniziative efficaci per la tutela dei minori stranieri non accompagnati". "Sono loro - afferma Di Biagio - quei "deboli tra i deboli" per i quali il nostro impegno deve essere chiaro e concreto, declinando l'accoglienza e la solidarieta' nel modo piu' alto". "Il voto di oggi va guardato anche come il segnale di una rinnovata alleanza tra la politica e la famiglia. E la promozione del "Libro bianco sull'infanzia e l'adolescenza" sara' anche l'occasione - conclude il senatore - per rinsaldare questo legame, nella consapevolezza del ruolo primario, fondamentale e insostituibile, che essa riveste nell'educazione e nella crescita di bambini e adolescenti". (ANSA).
DEZ-COM
27-NOV-14 15:11 NNN


Minori: intesa Carabinieri-Garante Infanzia per formazione (2)
ZCZC
AGI0382 3 CRO 0 R01 /
Minori: intesa Carabinieri-Garante Infanzia per formazione = (AGI) - Roma, 27 nov. - Vincenzo Spadafora, Autorita' Garante per l'infanzia e l'adolescenza, e il generale Vincenzo Giuliani, comandante delle Scuole dei Carabinieri, hanno sottoscritto un protocollo d'intesa che prevede "la pianificazione di mirati cicli di conferenze sulla tutela dei diritti delle persone di minore eta' destinate ai frequentatori dei corsi di formazione della Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma, delle sedi della Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri di Firenze e di tutte le Scuole Allievi Carabinieri". Il tutto, "al fine di rispondere meglio alle esigenze di professionalita' e operativita' richieste dalle istituzioni e dalla societa'". (AGI) Bas (Segue)
271439 NOV 14
NNNN


ZCZC
AGI0383 3 CRO 0 R01 /
Minori: intesa Carabinieri-Garante Infanzia per formazione (2)=
(AGI) - Roma, 27 nov. - Il Comitato Onu sui diritti dell'infanzia raccomanda che tutte le forze dell'ordine ricevano una formazione "obbligatoria, iniziale e continua": la sigla del Protocollo, alla luce delle attivita' gia' realizzate, mira a rendere permanente tale impegno ai Carabinieri e all'Autorita' garante per l'infanzia e l'adolescenza. Si tratta di "un segnale importante del lavoro che e' possibile compiere insieme per la piena attuazione della Convenzione sui diritti dell'infanzia, approvata venticinque anni fa dall'Assemblea generale dell'Onu". (AGI)
Bas
271439 NOV 14
NNNN


Infanzia: protocollo intesa tra Garante e Arma carabinieri
ZCZC2180/SXA
XCI85672
R POL S0A QBXB
Infanzia: protocollo intesa tra Garante e Arma carabinieri (ANSA) - ROMA, 27 NOV - Firmato oggi un protocollo d'intesa tra il Garante per l'Infanzia e i Carabinieri. "Oggetto del protocollo - spiega una nota - e' la pianificazione da parte dell'Autorita' Garante e del Comando delle Scuole di mirati cicli di conferenze sulla tutela dei diritti delle persone di minore eta' destinate ai frequentatori dei corsi di formazione della Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma, delle sedi della Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri di Firenze e di tutte le Scuole Allievi Carabinieri al fine di rispondere meglio alle esigenze di professionalita' ed operativita' richieste dalle Istituzioni e dalla societa'". A firmare l'intesa Vincenzo Spadafora, Autorita' Garante per l'infanzia e l'adolescenza, e il Gen. Vincenzo Giuliani, Comandante delle Scuole dell'Arma. La firma del protocollo risponde anche alle indicazioni del Comitato Onu per i diritti per l'Infanzia che ha raccomandato che tutte le Forze dell'Ordine ricevano una formazione "obbligatoria, iniziale e continua" per gestire le problematiche legate ai minori.(ANSA).
TU
27-NOV-14 12:04 NNN


ZCZC3330/SXA
XCI86803
R POL S0A QBXB
Infanzia: protocollo intesa tra Garante e Arma carabinieri (2)
(ANSA) - ROMA, 27 NOV - Nel ringraziare il Generale dei Carabinieri, il Garante Spadafora ha sottolineato l'importanza di questo protocollo, che "denota una sensibilita' verso i temi dell'infanzia e dell'adolescenza, troppo spesso messi in secondo piano rispetto ad altri temi, come quelli economici e imprenditoriali. Occuparci di infanzia e adolescenza significa occuparci del futuro dei nostri ragazzi. Il fatto che la poverta' assoluta dei minorenni negli ultimi due anni sia raddoppiata dimostra che non lo stiamo facendo abbastanza, al di la' della retorica". Per Spadafora "bisogna darsi delle priorita' proprio perche' le risorse sono scarse: e' inutile chiedere l'impossibile ma non dimentichiamo che le scelte che compiamo oggi avranno una ricaduta fortissima sul futuro delle nuove generazioni. Noi vi siamo estremamente grati per l'attenzione che sempre di piu' riserverete ai bambini e ai ragazzi, sappiamo che voi Carabinieri avete sempre un contatto con la quotidianita', con la gente. I protocolli possono servire molto ma anche restare lettera morta: noi vi ringraziamo perche' sappiamo che il livello di formazione che state portando avanti produrra' conseguenze positive nella pratica. Sono le persone che fanno la differenza: e' il nostro motto e questo protocollo lo ricorda".(ANSA).
TU/TU
27-NOV-14 13:27 NNN


Infanzia: Mattesini (Pd), libro bianco per azioni efficaci
ZCZC1626/SXA
XPP84932
R POL S0A QBXB
Infanzia: Mattesini (Pd), libro bianco per azioni efficaci (ANSA) - ROMA, 27 NOV - "Elaborare un 'Libro bianco sull'Infanzia e l'adolescenza' come strumento conoscitivo per avviare politiche di sistema, anche con un unico sistema informativo di raccolta organica dei dati, operativo a livello interministeriale e a piu' livelli istituzionali, che miri a una conoscenza approfondita delle dinamiche che coinvolgono i minori per adeguare ad esse le priorita' di intervento sul breve e sul lungo periodo". Lo ha chiesto al governo la senatrice Donella Mattesini, capogruppo Pd in commissione Infanzia, illustrando la mozione sulle politiche per l'infanzia e per l'adolescenza che e' stata poi approvata dal Senato. "Le politiche per l' infanzia e l'adolescenza - ha detto la senatrice - al centro delle scelte politiche del governo e' l'obiettivo che deve ispirare ogni nostra azione come legislatori e cittadini che hanno a cuore il futuro delle nuove generazioni". "Dobbiamo tener conto del richiamo dell'Europa - ha spiegato Mattesini - che all'articolo cinque della raccomandazione del 2013 sottolinea come affrontare il disagio della prima infanzia costituisca uno strumento importante per intensificare la lotta alla poverta' e l'esclusione sociale in generale. Una programmazione integrata ed interistituzionale - ha sottolineato Mattesini - deve, infatti, occuparsi di tutti gli aspetti della vita del minore, valorizzando l'investimento negli ambiti strategici per determinare il cambiamento e per dare piu' chance di un'evoluzione positiva". (ANSA).
DEZ
27-NOV-14 11:16 NNN



Costa (PD), Ue ratifichi convenzione Onu su diritti infanzia
ZCZC6203/SXA
OBX79052
R EST S0A QBXB
Costa (PD), Ue ratifichi convenzione Onu su diritti infanzia Lettera a Mogherini insieme a Toia e Chinnici (ANSA) BRUXELLES, 26 NOV - "L'Ue ratifichi subito la convenzione Onu sui diritti dell'infanzia". Lo scrive Silvia Costa (PD), presidente della commissione Cultura e Istruzione del Parlamento europeo in una lettera inviata a Federica Mogherini, Alto Rappresentante per la Politica estera Ue, e cofirmata dalle deputate PD Caterina Chinnici e Patrizia Toia. "Il Trattato di Lisbona ha conferito personalita' giuridica internazionale all'Unione Europea - spiega Silvia Costa - attribuendole il potere di ratificare i trattati internazionali come hanno gia' fatto tutti i Paesi membri". Secondo le eurodeputate, questa ratifica consentirebbe di esercitare la convenzione "in maniera diretta" e i diritti dell'infanzia diventerebbero "un obbligo legale" in tutta Europa. "Cio' permetterebbe all'Ue - spiega la Costa - di sottoporre al Comitato sui diritti dell'infanzia i propri rapporti su come i diritti dell'infanzia vengono promossi al proprio interno". "Questa adesione sarebbe anche in grado di apportare benefici in termini di efficacia, di trasparenza ed affidabilita' in materia di diritti dell'infanzia perche' l'interesse prevalente del minore si affermi in tutti gli ambiti", concludono Costa e Toia. (ANSA)
YA1-TI
26-NOV-14 16:55 NNN


Violenza sessuale: adescava ragazzini sui treni, fermato

ZCZC2164/SXB
XRR74168
U CRO S0B QBXB
Violenza sessuale: adescava ragazzini sui treni, fermato
Su un taccuino nomi vittime, gia' condannato per reati analoghi (ANSA) - VIGEVANO (PAVIA), 26 NOV - Adescava i ragazzini sui treni e li induceva ad avere rapporti sessuali in cambio di piccole somme di denaro. Con questa accusa un pedofilo recidivo di 55 anni, originario di Seveso (Monza e Brianza), senza fissa dimora, scarcerato poco piu' di un anno fa, dopo una condanna per reati analoghi, e' stato fermato dai carabinieri di Vigevano per violenza sessuale su minori. Con se' aveva un taccuino su cui annotava nomi e numeri di telefono delle vittime, che avvicinava sulle linee regionali tra Milano, Pavia, Genova e Monza. (ANSA).
YS0-GNN/BRO
26-NOV-14 12:01 NNN


ZCZC2986/SXB
OMI75066
R CRO S0B QBXB
Violenza sessuale: adescava ragazzini sui treni, fermato (2)
(ANSA) - VIGEVANO (PAVIA), 26 NOV - L'uomo e' stato intercettato e bloccato dai carabinieri al termine di un breve inseguimento dopo che ieri mattina alcuni minori avevano fermato una pattuglia in transito in via della Gioia a Vigevano segnalando di essere stati molestati dall'uomo. Uno studente di 14 anni di Vigevano ha denunciato di aver subito dal 55enne abusi sessuali in piu' occasioni, a partire da agosto, dopo essere stato condotto in una casa abbandonata nei pressi della stazione ferroviaria di Vigevano. Ha riferito di essere stato costretto ad avere un rapporto sessuale aggiungendo che in seguito l'avrebbe adescato piu' volte e costretto con minacce e violenze ad avere altri rapporti dopo averlo portato in zone isolate o nelle campagne vicino alla stazione ferroviaria di Albairate (Milano). Amici e genitori, interrogati, hanno confermato che il giovane da mesi si sentiva braccato dal quell'uomo. Da successivi accertamenti, ancora in corso, sono emersi approcci con altri due studenti di 14 e 16 anni di Vigevano.
(ANSA).
YS0-GNN
26-NOV-14 13:11 NNN


ANSA/ Usa: bimbo tre anni trova pistola e uccide la madre
ZCZC9715/SXB
ONY70372
R EST S0B QBXB
ANSA/ Usa: bimbo tre anni trova pistola e uccide la madre Arma era sotto divano di casa. Donna cambiava pannolino figlia  (di Valeria Robecco). (ANSA) - NEW YORK, 25 NOV - L'ennesima tragedia causata dalle armi da fuoco scuote l'America: un bimbo di soli tre anni di Tulsa, in Oklahoma, ha sparato e ucciso accidentalmente la madre, dopo aver trovato la pistola sotto il divano del salotto. Secondo quanto riportato da alcuni media statunitensi, la donna, 26 anni, si chiamava Christa Engels, ed era da sola in casa con il bambino e un'altra figlia di un anno al momento dell'incidente. I vicini hanno dichiarato alle autorita' che la giovane stava cambiando il pannolino alla piccola quando il figlio maggiore ha trovato una pistola di grosso calibro sotto il divano, e' riuscito a premere il grilletto e ha sparato, colpendo la madre alla testa. A trovarla, in fin di vita, e' stata la suocera, che abita con loro nella stessa casa: quando e' rientrata, ha visto la donna in un lago di sangue e ha chiesto aiuto al 911, il pronto intervento americano. Engels e' stata immediatamente portata in un'ospedale della zona, ma e' morta poco dopo il ricovero, verso le 17:30 ora locale. La polizia sta indagando sull'accaduto e ha anche provato ad interrogare il bambino insieme a degli specialisti dell'infanzia, per tentare di ricostruire la dinamica dell'incidente. Gli agenti hanno spiegato che il bimbo continuava a ripetere soltanto "Mommy shot", "sparato mamma". La polizia ha inoltre confermato che la donna era un membro dell'esercito americano, mentre suo marito e' un camionista, che al momento della sparatoria si trovava per lavoro in un altro Stato. In casa c'erano altre armi da fuoco, ma non erano in un luogo accessibile ai bambini. "Il mio cuore e' con questa famiglia. Dobbiamo pregare, dobbiamo pregare per la pace", ha detto Vera Bennett, una vicina di casa di Engels. "Non riesco ad immaginare che nella societa' di oggi ci possa essere una pistola carica in un luogo dove un bambino puo' raggiungerla", ha poi aggiunto Bennett, sottolineando che ora "ci sono due bambini senza la madre, e una famiglia intera traumatizzata". (ANSA).
YRV-CU
25-NOV-14 20:02 NNN



= Pedofilia: Papa,con dolore ho chiesto denunciare preti Granada (2) =
ZCZC
AGI0608 3 CRO 0 R01 /
== Pedofilia: Papa,con dolore ho chiesto denunciare preti Granada (2) = (AGI) - CdV, 25 nov. - "Null'altro fuorche' questo spirito ci guida nel sostenere il cammino dell'umanita'", ha detto Francesco nel discorso al Consiglio d'Europa subito dopo l'accenno agli abusi e ad altri crimini commessi da ecclesiastici. "Con tale disposizione d'animo - ha assicurato il Papa - la Santa Sede intende continuare la propria collaborazione con il Consiglio d'Europa, che riveste oggi un ruolo fondamentale nel forgiare la mentalita' delle future generazioni di europei". (AGI)
Siz
251730 NOV 14
NNNN



Morta neonata: madre operata, aveva nascosto gravidanza
ZCZC1480/SXB
OPA61583
R CRO S0B QBXB
Morta neonata: madre operata, aveva nascosto gravidanza (ANSA) - PALERMO, 25 NOV - E' stata operata nella notte la 30enne palermitana che, ieri, dopo aver partorito la sua bambina, l'ha abbandonata in un cassonetto di via Di Giorgi. La piccola, ritrovata da un clochard, e' morta poco dopo il ricovero in ospedale. La donna, ricercata per tutto il giorno dai carabinieri, si e' presentata all'ospedale Cervello col cognato in preda ad una grave emorragia. "La paziente sta bene, e' robusta, in buona salute e in questo momento lucida - ha detto il medico del reparto di ginecologia Francesco Labate - questa notte ha subito un piccolo intervento all'utero. A quanto pare e' stato il cognato a convincerla a venire in ospedale. La donna, da quanto ci risulta, avrebbe nascosto a tutti la gravidanza: la famiglia non sapeva nulla ed e' sconvolta". La Pilato, che ha altri 3 figli, vive in Friuli col marito, un militare dell'esercito che e' in viaggio per Palermo. Gli investigatori sospettano che la donna abbia progettato il viaggio a Palermo proprio per partorire lontano dal consorte. "La donna - ha concluso il medico - ci ha raccontato che subito dopo aver abbandonato la figlia ha avuto un ripensamento ed e' tornata per riprenderla, ma ha avuto paura vedendo la folla accorsa nel frattempo". Il racconto di Pilato sarebbe molto contraddittorio: la donna ha detto di avere lasciato la bimba presa dal panico dopo averla creduta morta. Alle 12 il pm di turno andra' ad interrogarla in ospedale.
SR-Y93/GIM
25-NOV-14 10:35 NNN


Messico: Rete per i diritti dell'infanzia denuncia 767 omicidi
ZCZC
AGI0050 3 CRO 0 R01 /

Messico: Rete per i diritti dell'infanzia denuncia 767 omicidi =  (AGI) - Roma, 23 nov. - La Rete nazionale per i Diritti dell'Infanzia in Messico ha denunciato alla Corte Interamericana dei Diritti Umani CIDH la "pulizia etnica" contro i bambini/e e adolescenti lavoratori, in maggioranza indigeni: "Nel primo trimestre del 2014 sono gia' stati registrati 767 omici di minori tra 0 e 17 anni di eta'. "In Messico - spiega Cristiano Morsellin, cooperante italiano ed esperto di diritti umani in America Latina, che dal 2001 analizza i movimenti sociali e le politiche emancipatorie - l'ascesa di grandi organizzazioni criminali, denominate in genere 'cartelli', dedite essenzialmente alla produzione e al traffico su scala mondiale di sostanze stupefacenti, in primis cocaina, sta determinando da anni una vera e propria emergenza sociale, spesso aggravata dalla collusione e dalla corruzione
di istituzioni pubbliche". (AGI) Siz (Segue)
231108 NOV 14
NNNN



ZCZC
AGI0051 3 CRO 0 R01 /

Messico: Rete per i diritti dell'infanzia denuncia 767 omicidi (2) = (AGI) - Roma, 23 nov. - Il rapporto della REDIM calcola che tra il mese di gennaio 2007 e lo scorso marzo le morti violente di minori sono state 1800, tutte collegate con la lotta tra il governo e il crimine organizzato. La media mensile nel 2010 e' stata di 15 morti, 20 nel 2011, 24 nel 2012 e 20 dall'inizio del 2013. I mesi di febbraio 2011 e giugno 2012 sono stati quelli con il maggior numero di morti: 34 al mese. I dati della Redim evidenziano che il settore piu' vulnerabile e' quello degli adolescenti tra 15 e 17 anni e gli Stati piu' pericolosi sono Chihuahua, Nuevo Leon, Guerrero, Sinaloa y Tamaulipas. Inoltre, 7 minori su 10 vengono uccisi con armi da fuoco e l'80 per cento degli omicidi rimangono impuniti. La ong ha anche denunciato lo sfruttamento da parte di bande criminali e dei cartelli del narcotraffico di 15/ 20 mila adolescenti. (AGI) Siz (Segue)
231108 NOV 14
NNNN



ZCZC
AGI0052 3 CRO 0 R01 /

Messico: Rete per i diritti dell'infanzia denuncia 767 omicidi (3)= (AGI) - Roma, 23 nov. - In un altro studio, realizzato sempre dalla Redim risulta che, dal 2010, in Messico un bambino o adolescente viene assassinato ogni 36 ore e la morte e' legata alla lotta contro il crimine organizzato. Nel 2010 sono stati registrati 174 omicidi; nel 2011, 244; nel 2012, 289. Dall'inizio di quest'anno ci sono stati almeno 50 casi. Si tratta, secondo Morsellin, "prevalentemente di crimini usati come monito per spaventare le famiglie. Il 77 per cento di questi omicidi sono commessi con armi da fuoco, il 5 per cento con strangolamento; il 3 per cento con armi da taglio; l'1 per cento, con materiale esplosivo e aggressioni sessuali; il 7 per cento con vari metodi che vanno dallo smembramento al sotterramento dei corpi". Juan Martin Perez, direttore esecutivo della rete REDIM, chiede che il governo "prenda delle misure preventive e presti attenzione a questi casi e non li lasci impuniti". "Per questo - annuncia - lanciamo una commissione internazionale della societa' civile per seguire il caso del tredicenne Jose' Luis Tehuatlie, vittima di un crimine perpetrato dalla polizia statale che indigna molti settori e che chiede giustizia".(AGI)
Siz
231108 NOV 14



PAGINA 1
 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu